Home

20120901-201507.jpg

Riempie la stanza dei pensieri fitti
e dà colore al finestrarti in luce
profuma d’intenso il tuo respirare
e sa di velluto del bell’abito

Carnosa s’impetala se la sbocci
e più semplice la curi più t’erge
può ammantare di tepore di letto
o pungere se non conosci il garbo

E quando poi socchiudi gli occhi pieni
dei tempi che scorrono alle stagioni
la tua pelle congiunge il suo periodo
resta d’anima la parola in terra
e il nome in fiore quello della rosa

francesconigri©2012