Home

20120903-231712.jpg

Pelle umida di questa terra
dall’alto ti scorgo di vene
e dov’è crespo il fluttuarti
t’impori al cielo di brillìo

Camminano leggere d’oggi
le piccole nuvole di risparso
e se s’orizzonta il banco grande
sei già quel sale che l’accoglie

Al cielo che d’immenso finisci
oltre pensi e vai di spuma
e zolla e sabbia e scoglio
ne fai sorriso al bacio di domani

francesconigri©2012