Home

20130204-201607.jpg

Mi nutrirei delle tue risacche
come un bastione delle onde
nella tua bocca l’unica spuma
del salmastro del tuo pescato

Rete piena solo dell’avvolgerci
oltre l’inverno degli scogli nudi
muschia il volerti di braccia piene
tuffo del passo ricco del tuo sale

Cosa sarebbe quel bacio colmo
più d’ogni frutto schiuso al labbro
e il tuo fondale che si nutre e nutre
il mio solcarti di perenne al tempo

francesconigri©04.02.2013