Home

20130220-113222.jpg

Vive il sole il buio come d’un bacio
nell’alba e nel tramonto di distendersi
e i chiaroscuri tra le rughe cantano
il tempo di quella pelle che si spiega

Vive il giorno la notte come d’abbraccio
di rugiada e brina d’insalivarsi d’umido
e sboccio e richiuso di colore cantano
il profumo del petalo che si fa marea

Vive il letto l’oceano come d’una foce
d’approdo e navigarsi di protesa terra
e il confluire e l’inondarsi di faro cantano
l’effluvio dell’orgasmo del finito al cielo

Vive l’orlo il ricamo come di carezza
di nudo abitarsi d’ogni svestito pensiero
e il pavimento del passo si materassa
e l’amarsi è intreccio di gambe piene

francesconigri©21.02.2013

Annunci