Home

20130306-201833.jpg

Quali perle bastano alla cornice
della tua chiara pasta di zucchero
tra i seni il colmo del tuo latte dolce
asseta l’incombente primavera

Il pesco gemma della tua vaniglia
la pelle che già mi brivida il gusto
e il mio mandorlo freme tra le labbra
il fiorirti addosso come granella

Giunge nella ventata di scirocco
il fresco acceso di stagione nuova
è sussulto d’alito che respira
in quel tuo polline di cioccolata

francesconigri©06.03.2013

Annunci