Home

20130325-214507.jpg

Occorre altro a disarmarmi la notte
è quel manto della pioggia ammarata
letto e mare in cielo d’alba prossima
dove profuma umido sguardo e alito

È scialle di pelle salmastra in bruno
di vino ti copre ripiena brocca
pane che abbocca di riccio e di spuma
brizzola e ricciola e ti splende in luna

Non basta la tua resa al mio disarmo
t’immergi e più ti cullo e canto cheto
t’ammalio e mai ti lascio neanche in sonno

E al tuo risveglio mi rinuoti oceano
espanso e più profondo l’approdo in me
goccia di resina mi prendi e vinco

francesconigri©25.03.2013