Home

20130325-173236.jpg

Mi pensi d’assetati occhi e ne vivo
sei mare che s’accheta della mia onda
la mia posidonia ingremba il fondale
nella mia sabbia le tue labbra umide
rincorsa d’orme in schizzi alla battigia

Svesti il desiderio e la pelle seta
nell’istante ogni tua calura suda
la tua schiusa rivola di goccia arsa
orchidea selvatica apre la terra
mi profumo dei tuoi petali in sogno

T’amo di mano grande e denso fiore
isola al tuo mare solo d’amarti
ti solco e tu in me nuoti dei tuoi varchi
e se lacrima pur nutre il rivolo
t’amerei sino a morte che ne vive

francesconigri©25.03.2013

Annunci