Home

20130513-182154.jpg

Quando gonfia in pioggia la primavera
e le rondini cantano di fresco
quel tepore umido del tatuarsi
d’ogni bacio bagnato del cuore

e la pelle spande il vento soffice
dell’acqua del mare che si saliva
e spuma ogni foce in labbra lucide
pronte di remo che voga al suo porto

ogni virgola s’alita alle gocce
di ciocche ricce in rivoli e sorrisi
l’amarsi scrive la piacevolezza
dell’irrigare i fiori d’ogni sboccio

francesconigri©13.05.2013

Annunci