Home

20130530-201620.jpg

Scalza la fiumana dei passi fluenti
neanche il sotterraneo più vibra ai piedi e i
viali colmi di profumi e cappelli
sono nel vento che mi riapre d’erba

Ampio il soffio della tua viola in pelle
il Prati spande i tuoi fili sottili
il canneto rivive le tue vigne
e s’ebbra della tua musica etrusca

Forse perso di scorrerti in filari
conto gli alberi che disegnano il mio
e la corteccia sa di quel germoglio
che fa primavera l’indefinito

francesconigri©30.05.2013

Roma Prati

Annunci