Home

20130702-142619.jpg

Scusa se t’amo di mani di riva
e del sorriso d’un cuore sabbiato
di semplice e appassionato fanciullo
mai stanco al gioco di schizzi e di slanci

Scusa se t’amo in granelli di forme
del cullare al salmastro il piccolo ormare
s’arruga soltanto del tuo ombrellarti
e riga i canali del raggiungerti

Scusa se t’amo del tempo sfidato
la clessidra non ne conta mai i tuffi
e la mareggiata è inutile al dopo
dove di palmi reinizia il premere

Scusa se t’amo così di come so
del bell’amare che ti salta addosso
non si fa scordare e asseta di mare
e ogni guancia esca vita alle risacche

francesconigri©02.07.2013