Home

20130802-185646.jpg

Il rumore della solitudine
è il cesto di paglia che s’apre colmo
il bagaglio senza ruote che struscia
su un pavimento d’asciutto dell’afa

Il caldo vibra che sembra d’umido
asseta la pelle in sorso al rivolo
vorrebbe la spuma del bagnasciuga
d’occhi chiusi che sperano stupore

Il pieno vuole il suo domani vuoto
‘chè il mare senza letto è cielo fisso
e teso e morbido di grazia nuota
a cercare il riccio tra le alghe al fondo

Il respiro è un fendere di carezze
dell’anima che immensa le sue dita
è giunto il tempo dell’innamorarsi
del cuore ridestato al suo languore

francesconigri©02.08.2013

Annunci