Home

20130830-142849.jpg

Ora ch’estate posa le conchiglie
per salare il sogno delle onde piene
al sole che cercherà il tuo tepore
tra dita in coperta alle sue nuvole

Ora potrei sibilarti il maestrale
spogliarti d’ogni secco di te nudo
navigarti le chiome al mare mosso
in pelle di legnoso che ti solca

Potrei scaldarti ora di focolare
vestirti d’infiammato di me solo
profumarti di pane al tuo camino
o di ceppo acceso che ti riscalda

Leggerei l’umido che sale in labbra
del versarsi che colora l’incanto
pori marchiati al calore d’un bacio
quel che in autunno è estate per te potrei

francesconigri©30.08.2013

Annunci