Home

20130918-230507.jpg

Questa passione di notte d’autunno
che mi scrive il fresco delle tue labbra
sussurra appena e già m’ammanta spoglia
del tuo sguardo che mi viaggia di stormo

Migri in me come dell’ali di svasso
voli in slanciarti di mani assetate
t’immergi in me del tuo brinato lago
e nel tuffarti conosci il mio mare

E prima che giunga l’inverno ancora
colorerò in te il tramonto di rosso
d’inverno nudo fa un cuore di letto
ed abita il fondale al bacio immenso

T’affacci e fuggi e brividi la pelle
i pori ti cercano di pupille
e se ti scorgono di notte in stelle
sei quel tepore che chiama il goderne

francesconigri©18.09.2013

Annunci