Home

20131012-155213.jpg

T’amo quando vestita sei nuda a me
e quando nuda sei vestita di te
perchè il tuo danzare ti copre e scopre
e il tuo sorriso mi giunge dell’esca

T’amo complice della schiusa umida
che balla del profumo che s’ascende
sapora di saliva indeglutita
e volteggia di maniglie insistenti

T’amo perchè sogni e non ne sei folla
tu cammini del passo sincopato
e se pari assorta in fumo di nebbia
pensi il sotterraneo che mi ti porta

In te s’affretta ogni notte l’oscuro
perchè la notte del giorno ti fugge
tu consumi le sue scarpe danzando
e vi muori le stagioni del sonno

E t’amo quando sembra ai più che dormi
il tuo giacere è ansia che si tende
è una corda che s’attorciglia ai polsi
e mi lega al volerti che mi viaggia

E s’affretta così ogni giorno d’ore
quel giorno della notte che svanisce
le scarpe calzano d’ogni stagione il
filo che allaccia il tacchettio d’averti

francesconigri©12.10.2013

Annunci