Home

20131013-113749.jpg

Abbandonami al tuo abbraccio ampio e caldo
‘chè il fiatare spazi del vento al sole
come l’autunno che spazza i pensieri
e corteccia alle carezze del cielo

Conto i filari al viale d’ansimarti
ed ogni foglia concima il volerti
le radici profumano l’umido
e le zolle vi ricontano il tempo

Se si svuotasse ora il Tevere gonfio
ti sfocerei il mio mare di rivarti
e gli alberi sfrondati a nudo molo
sarebbero il legno dell’intarsiarci

Ti darei quel respiro della terra
che spanchina il suo freddo dell’azzurro
e nell’abbandonarmi ogni folata
sarebbe il tuo sospiro che l’ha attesa

francesconigri©13.10.2013

Annunci