Home

image

Autunno la tua tana alle mie ghiande
e non per sopravvivermi alla fame
di radici alle foglie macerate
o alla sete di cielo delle zolle

Un pò mi autunno e un pò ti autunno nudi
e il legno con i suoi cerchi nei tempi
calora al curarti il morso d’inverno
come il tuo forno lievita al mio impasto

Il freddo dividerà le sue fauci
alla nebbia che scende ma poi sale
e all’umido che si profuma all’erba
di quel bacio d’un raggio che carezza

Lì dove la tana non si nasconde
e il pieno regala albero al suo buio
il battito in stagioni condivide
l’amare oltre la vita ed i suoi rami

francesconigri©26.10.2013

Annunci

2 thoughts on “Autunno la tua tana alle mie ghiande

  1. delicatissima allegoria d’Eros. Immagini evocanti e simboliche… e intorno a quel lievitare si schiude il senso della vita…

    Mi piace

I commenti sono chiusi.