Home

image

Gustarti nel pensarti tra le labbra
è come questo scirocco d’autunno
mentre tutto si spoglia delle foglie
l’erica saliva il vento e lo sboccia

I suoi arbusti ramazzano nel fresco
lo scrigno sacro di ricordi e voglie
e nei suoi profumi fioriti a notte
tra i petali è guanciale di magia

Cammino di viola e intono il tuo canto
quello che cresce la lingua di linfa
e ti sudo per la luna che splende
dell’estate che mi conservi al cuore

I fiori nascono nell’impensato
crescono dove li pensi incresciuti
e nell’impervio affacciano la strada
d’una terra che fa al cielo il suo mare

francesconigri©29.10.2013

Annunci