Home

image

Ho ricamato al freddo
la solitudine del ramo
mentre le foglie dello spoglio
erano aria
nel vortice di tramontana

Ho ricamato le lacrime del gelo
al cielo nuvolo del pensarti senz’averti
e gli ultimi stormi volavano al tuo tepore
come le note d’una campana di mezzo

Il giorno si spezza e la notte non dorme
i fiori sono dita posate d’imposato
e lo sguardo che non ho visto
è il tormento della luce e il sogno del buio

Li avrei voluti quegli occhi persi
li avrei voluti come il
pizzo d’una carezza che si ritrova
più sfugge e più vuole il guanciale
d’ogni smarrirsi di darsi e farsi cuore

E t’avrei cullata
più che degli anni colmati
d’ogni spazio allattato di noi
per cantarti di sussurro
ciò che le labbra
di suggere d’amare
fanno al seno dell’inverno

francesconigri©26.11.2013

Annunci