Home

image

Ondeggi i chiaroscuri e l’apri
di notte che vuole l’alba
del giorno che vuole la luna
e li danzi di sinuoso

Viverti è un ballo di vene
che schiude il lievito in passo
di saltellìo scoperto in pelle
d’un pane crostato in forno

Le tue camere profumano
di braccia levate al cielo
e i giardini ne saporano
delle pareti intime

Il dentro è un oceano vasto
e il fuori un respiro denso
tutto alita della fragranza
del poi che scrive lo ieri

E l’ora quell’ora di spesso
di trama che filtra luce
ne scopri il raggio e te ne vesti e
più ti stendi più t’accampi

E quando ti volti e sorridi
baciarti gli occhi di labbra
è il risveglio del sogno vivo
non dorme mai il suo brivido

E mai vivrei senza ballarti
senza viaggiarti dei pori
tra le mie rughe ogni sudarti
sala l’ancòra che vale

francesconigri©29.12.2013

Annunci