Home

image

Le tue anse anforeranno le acque
come l’umido bevuto al suo mare
quando dormirai delle tue risacche
del fondale che s’affama al mio sale

Mi dormirai delle tue cale arrese
e ti dormirò d’àncora allo scoglio
le sabbie fruttate disegneranno
l’orologio del bracciale del tempo

Ti riempirai di fame di riempirti
ti riempirò di sete d’orizzonte
i moli si attraccheranno dei giorni
e le notti delle lune pescate

Il respiro corderà i tasti in suoni
e i palpiti suoneranno di spuma
e le onde quelle onde marose
riempiranno i canali dei vitigni

Il tuo fermento tralcerà di uva
e il profumo del nostro vino ebbro
saprà dell’immenso che fa al calice
il colore del nettare salmastro

Labbra che d’anima bevono labbra
vischie di vogata placata e insazia
che vuole il sonno che sa di saliva
ma già si risveglia di penetrarsi

francesconigri©03.01.2014

Annunci