Home

image

Sono la notte della luna piena
quella che inizia e scrive del chiarore
quel tenerlo penetrato e splenderlo e
per questo ti ho cantata nel giorno

T’ho cantata d’un sorriso di stormi
aleggiati al gioco dei rami nudi
tra raggi al sole e profumi di zolle
mentre i mondi si giuravano i voli

Ho sorriso ai viali filati d’ali
ai passi al fiume delle storie antiche
ai lampioni spenti delle sue rive
alle promesse di fontane scorse

Ma le tue acque mi sono di vene
le correnti del mare dei coralli
ed ai loro aranci rovescio i tempi
del fondo che ne risale i colori

Per questo ti ho cantata nel giorno
della luna che piena la sua notte
e per questo ti fiaberò dell’alba
che meriggerà di mattini il buio

francesconigri©14.02.2014

Annunci

2 thoughts on “Per questo ti ho cantata nel giorno

  1. Che bella “melodia” salta fuori quando leggo queste parole che hai scritto. In questa lettura si sente il tempo del verso come un valzer arrichito con l’armonia dell’anima che danza. Bravissimo, Fra.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.