Home

image

Le ultime piogge lavano l’inverno
quello delle notti insonni
del mare incolto

I suoi frutti abbondano
abbondano per i tuoi grani
sabbia di chicchi fini e spessi
per le labbra del mio schiumarti

Sono i seni della battigia
ambrati per il sole immininente
per la sua primavera estiva
che già porti d’un sorriso

Hai uno schiuderti che si fa ormare
e mi piace quando ti arricci
e mi ricevi del cercarmi e del cercarti
e come la marea ti permeo e ti profondo

Conosci il rovescio della terra
per questo le piogge si ultimano d’onde
e i flussi bassi vivono l’impeto dei marosi
e la tenerezza dei ricci spiaggiati

Scrostati gli scogli
erosi
frastagliati
è un muschio nascente
questo mio muoverti di passi
e profumi dei suoi scivoli
dei tuffi inattesi
del sale tra le labbra
degli schizzi voluti
e dei sospiri del berli

E se bagnarti
di queste rive ventate
immobile
arreso il tempo delle vele piene
già miracola l’indelebile marchio
dell’aria sospesa alle tue brezze
che è lì a venare e svenare
il sangue spesso dei fondali
e a farlo palpito di posidonia
e ali di risacca sprigionata
liberata alla costa dei costati baciati
cosa sarà
dimmi amore
cosa sarà abitare le tue grotte
di questo mare e di questa sabbia

Il battito dell’impossibile
che possibile scuote di fremito
lo stupore sgomento
dell’immenso che s’inscrive al proteso
e l’infinito ne viaggia

francesconigri©28.02.2014

image

Annunci

2 thoughts on “Cosa sarà abitare le tue grotte

  1. Questi versi sono come il mare, soavemente mi travolgono. Che bel utilizzo delle parole per dare vita al “dentro”, poeta.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.