Home

image

E il mare riconobbe le sue linee
i suoi orizzonti fondati di profondo
l’ergersi dei suoi scogli pronti
e le sabbie salmastre d’umido

Si riconobbe d’orizzontale letto
che fluisce il verticale fremito
del distendersi di muschi nuovi
tra chicchi di sale e gocce di spuma
al cielo che si sensa delle onde

Quali spazi più necessitano ancora
e quali fiati dei barlumi e dei crepuscoli
questi sguardi aperti e lucchettati
dell’intimo che attende il ripercorso

Forse quel fluirsi stesso
che lega il canto delle dita
come d’accordi di mareggiate
che salivano le note del rivarsi

Dita di polpe e lingue e squame
intrecciate della rete d’acque
d’un tempo che conosce l’iniziato
e scorda il resto alle intonate note
e si perde si perde nel poi del sempre

Un canto
un canto di gemiti affamati e insazi
voglia di viversi di respiri penetrati
e degli aliti d’una pelle di delfini

Salti
salti d’aria e di apnee
e il bere e il bersi di crociera
e l’abitarsi di caletta e fonda

francesconigri©14.03.2014

Annunci

2 thoughts on “E il mare riconobbe le sue linee

  1. Ci sono dei versi che ti arrivano e si capiscono..a me piaciono questi, che toccano. Grazie Fra, tante

    Mi piace

I commenti sono chiusi.