Home

image

Invecchiami di questa primavera
invecchiami

Invecchiami delle
fronde dei tempi che
rivivono le gemme dei prati
delle ringhiere degli orizzonti che
s’affiatano d’onde smosse
d”azzurro d’abissi risuscitati che
baciano l’azzurro delle grazie

I baci dei nostri immensi all’infinito
sanno d’ogni adeguato di linee
di curve e di vuoti ripieni
e un tono roseo di tepore
riscalda i legni del nostro
terrazzarci al domani
come un vascello accarezzato
del viaggio del dito di Dio

Cos’è un lampione di tempo
incompleto al divenire e al vissuto
se non un lampo fugace
d’una notte che anela all’alba

E cosa la notte stessa
la sua spessa coltre di labbra tese
del rossetto di tutte le stelle
alla luna d’un brivido di sogno
se non il giorno che prepara
il ricolmarla di salmastro

Sei bella
saporita come una bocca
baciata del risveglio della mattina
impastata e pronta per il lievito
calda come il vento che danzi in
questa stagione di maripose

Volano a pelo d’acqua
tra gli abbracci di spume alle battigie
e sorridono sì sorridono
di questa primavera d’inatteso volo
a questa primavera d’abbracciate ali

Due manti un manto
colori di rughe d’arcobaleni
profumi di boccioli di latte
sapori di rugiade di petali

Così
invecchiami così
di questa primavera

francesconigri©15.03.2014

Annunci

4 thoughts on “Invecchiami di questa primavera

I commenti sono chiusi.