Home

image

Scartocciarti illuminato e teso
di matura primavera che s’abbonda
al vento dei cinguettii del mare
che vince le risacche e si battigia

Umida di rugiada e lacrime
come la pioggia che s’arcobalena
i tuoi colori narrano
la tavolozza della linfa

E splendi e più risplendi
quanto più t’è amaro in foglia
ciò che si spande al giorno
della corolla che si cuora

Cos’è il pensiero del bocciolo
se non il gusto al retro del vin cotto
che sana l’aspro al dolce
d’una festa che ti nasce

E sei Natale e Pasqua
della vita e della morte
rivive e vive ancora il prato
del tuo profumo di tempo pieno

Tutt’attorno canta
canta di margherite e primule
canta l’alba che racchiude e svolge
di fior dei fiori il miele al nettare

E i tempi che vanno di peluria
mantellano lo scuro d’un saluto
nuda la tua pelle seta e s’abita
lanato già snodato al lino
crespa d’una chioma che bandiera
quel battito pulsato alle radici

Dolora il canto ai più silente
ma tu ti sbocci e sei spartito
e la più bella musica che il cielo piova
tra le salsedini d’un bacio

Sai del bacio del sangue azzurro
quello che sposa vene e immenso
e le mie dita ti carezzano
d’ogni cura delle mie labbra

Fior dei fiori ti sbocci e nasci
fior dei fiori mi sbocci e nasci
e il bell’amare prata il mare
d’orizzonti lunghi spumati e colti
sogni alle maree e maree ai sogni

Giardiniere tuo ti curo
tra onde e fili ti giardino
e l’aquilone vola
di matura primavera vola
e l’estate sì l’estate
non ruga più l’estate

francesconigri©13.05.2014

Annunci