Home

image

Sulla via della seta
trovai la carezza
del tessuto più intimo
avvolgente quei
muscoli del cuore
che più veste e
più membrana i palpiti
i singhiozzi
i sussulti
i sospiri
di quel fluire alla vita
del porpora d’amare

E fu giorno della notte
e luce tiepida di chiaroscuri
e mare di cielo
e tutti i sentieri nell’alba
del trovarsi al presunto tramonto

E fu barlume
e bacio del tempo
quello che spiega
e cuce
di fili d’anima
i tempi
che riusciamo
da soli
soltanto a palpare

E fu il transoceanico
più d’ogni via tra i continenti
che fuse
oltre ogni fuso
le lingue delle parole
in verbo
predicato
ligneo radicato verticale
di quel darsi
che riceve l’acque
e il respiro degli sbocci

francesconigri©14022016

Annunci