Home

Luce tra le mani
come la luna grande
di stanotte

Quasi la carezzo
cercando ancora il chiaro
nel rischiarato buio

il cielo
nella bassa che
m’accasa d’alto

Sguardo il pieno
e sei al respiro

respiro in fiato
delle mura in passo

come il tepore
dei camini al cuore

Tutto passa
e il passo incede

Sembra immobile
in questo dentro l’oltre

Eppure strada e
instrada

nei vicoli ai palazzi

l’immane e il sempre
che innalza e smuove

La pelle ai
brividi ammantata

ti accarezza e gode

Francesco Nigri

francesconigri©03.12.2017

Annunci